Quali sono le caratteristiche di taglio di un tagliasiepi?

Per molti consumatori, conoscere le caratteristiche di taglio di un tagliasiepi può davvero fare la differenza. Questo fattore, infatti, ti permette di capire se la lunghezza e lo spessore del taglio delle lame sono compatibili con le tue esigenze d’uso.

Caratteristiche e prestazioni

Quando valuti le caratteristiche di taglio del tuo tagliasiepi, devi tenere principalmente in considerazione tre fattori: la lunghezza del taglio, il suo spessore, e la distanza fra le lame.

La lunghezza della spada è importante poiché’ è proprio il movimento delle lame che permette di potare siepi e rami. Una lama più lunga ti permette di raggiungere anche i rami più in alto, ma ovviamente rappresenta un ingombro maggiore. Se sei disposto ad investire in un budget maggiore, allora potresti valutare l’acquisto di una spada telescopica, quindi allungabile in base alle esigenze.

Per quanto riguarda lo spessore di taglio, esso indica lo spessore massimo che la lama sarà in grado di tagliare. Un modello di tagliasiepi più economico e compatto può arrivare a tagliare fra i 15 e i 20 mm. Un modello più performante arriva invece anche a 40 mm. Questo spessore di taglio è ovviamente collegato alla potenza massima del motore, perciò è un dato da non trascurare.

Ultima ma non per importanza è la distanza fra le lame, ovvero lo spazio che intercorre fra le stesse. Questo fattore comporta una maggiore o minore capacità di sfoltimento delle siepi. Per delle siepi poco intricate, è preferibile usare lami più vicine. Delle spade più distanti, invece, daranno del loro meglio su ramificazioni fitte e piene di rami. È quindi importante valutare la tipologia di ambiente su cui andrai a lavorare, così da capire quali siano le lame più adatte.

In base all’ambiente in cui dovrai lavorare e al risultato che vuoi ottenere, è fondamentale scegliere le giuste caratteristiche di taglio per il tuo nuovo tagliasiepi.

Leggi anche: Come scegliere una scopa a vapore